Il manifesto: Arlecchino servitore di due padroni [Eleonora Conti]

Ho deciso di realizzare due locandine per lo spettacolo Arlecchino servitore di due padroni di Giorgio Strehler.

Prima di iniziare a progettare ho cercato di capire quale fosse il vero contenuto dell’opera che mi sarebbe piaciuto rappresentare. La locandina deve trasmettere curiosità, stupore e soprattutto interesse.

Al primo manifesto, sulla sinistra, ho voluto dare un’atmosfera tranquilla, accogliente. La presenza dell’acqua rende l’immagine piacevole e il gioco di colori ocra e azzurro prediligono uno spettacolo sereno, dove la tensione è lasciata all’uscio. Anche il punto di vista è complice di questa atmosfera, dal momento che, sembra di essere seduti su un pontile ad osservare la bella Venezia. La trama che timidamente compare sulla carta, rappresenta le storie che si sviluppano all’interno della messinscena.

La locandina sulla destra, invece, ha un sapore più contemporaneo. Il palloncino rosso è il primo elemento che risalta all’occhio, questo rappresenta la vivacità e la spensieratezza del protagonista. Non a caso il palloncino è una metafora per indicare il concetto di leggerezza. I tre bauli rappresentano le tre storie d’amore che hanno luogo durante la rappresentazione ed è un chiaro rimando alla scena dello scambio di bauli, nel momento in cui Arlecchino deve servire due amanti, i suoi padroni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...